Il territorio

I Vini della Strada

I percorsi

L'ospitalità

Suggerimenti di viaggio

Photo gallery

Calendario eventi

giugno

L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

luglio

L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Sei in: Home page » I vini della strada » [Vino Dolcetto]

IL DOLCETTO

E' un vitigno assai diffuso nel Basso Piemonte, ove solo o in uvaggio con altri vitigni, rappresenta il vino per eccellenza della quotidianità.

La sua denominazione "Dolcetto", sembrerebbe alludere ad un aroma dolciastro del vino, invece si riferisce soltanto alle uve da cui è prodotto, che sono di un dolce tanto accentuato, quanto gradevole.

Coltivata nei colli tortonesi da almeno due secoli questa vite, chiamata comunemente nibiò, è dotata di grande versatilità e dimora molto bene nei terreni argillosi- calcarei, posti tra i 250 e i 600 metri.

Il Dolcetto è un vino che può essere pronto precocemente, ma se di gradazione alta, ricco di corpo e vinificato con macerazioni sulle bucce più lunghe, con un affinamento prolungato migliora le proprie doti organolettiche, diventando un vino importante.

Colli Tortonesi Dolcetto

Caratteri distintivi

  • Colore: rosso rubino, con riflessi violacei più o meno marcati, comunque sempre abbastanza intensi;
  • Odore: caratteristico, con piacevoli sentori vinosi, talvolta con sfumature fruttate;
  • Sapore: asciutto, di discreto corpo, armonico, con gradevole retrogusto amarognolo;
  • Alcolicità minima:10, 5°;
  • Acidità totale minima: 4,5 g/l;
  • Estratto non riduttore minimo: 20 g/l.

Uve di produzione

Uve Dolcetto minimo: 85%. Possono concorrere anche altri vitigni a bacca rossa, non aromatici, idonei alla coltivazione nella Regione Piemonte.

  • Superficie totale specializzata (mq): 551.762
  • Nr. piante superficie sp.: 123.083
  • Prod. Pot. uva: 496.585

Caratteri distintivi

  • Colore: rosso rubino più o meno intenso è più pieno, leggermente tannico e ha un'alcolicità minima di 11°;
  • Odore: vinoso, fruttato, persistente e caratteristico;
  • Sapore: pieno, leggermente tannico;
  • Alcolicità minima:11°;
  • Acidità totale minima: 4,5 g/l;
  • Estratto non riduttore minimo: 18 g/l.

Abbinamenti gastronomici

La consuetudine quotidiana di pasteggiare con il Dolcetto Novello è motivata dalla lieve alcolicità e dall'armonia del sapore, che rendono questo vino un piacevole compagno di piatti abituali. In particolare di minestre, primi piatti non troppo conditi, carni bianche, salumi e formaggi mediamente maturi. Se invecchiato il Dolcetto è invece adatto a piatti saporiti, carni brasate e formaggi stagionati.